rsssearch
Azienda Ospedaliera Terni

AREA IN EVIDENZA


L'AZIENDA INFORMA

NEWS

INFO UTILI


CAP
Centro d’Ascolto Psicologico

BANDI DI GARA, CONTRATTI
E AVVISI PUBBLICI

BANDI DI CONCORSO
E AVVISI PUBBLICI

RELAZIONI
SINDACALI

CONTATTI
email e telefono

ALBO PRETORIO
online

CUG
Comitato Unico di Garanzia

PRIVACY
formazione a distanza

ANTICORRUZIONE
prevenire il rischio

Bollini Rosa
per L'Azienda Ospedaliera S. Maria

AVCP
adempimenti

Farmaci
guida all'uso

Video Gallery
you tube channel

Donazioni
come contribuire



torna indietro

NEWS


Il Dg Dal Maso su nota di aggiornamento al DEF
venerdì 6 ottobre 2017

COMUNICATO STAMPA


Dal Maso su nota di aggiornamento al DEF: "Finanziamento pubblico al SSN in calo ma vero problema la definizione delle priorità d’intervento”

 

Terni, 5 ottobre 2017 - "Il finanziamento pubblico al nostro sistema sanitario nazionale è stabilmente in riduzione e in termini di valori assoluti è minore di circa 2 punti del PIL rispetto alla media Ue”, commenta così Maurizio Dal Maso, direttore generale dell’Azienda ospedaliera Santa Maria di Terni, la nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza (DEF) 2017, approvata dal Consiglio dei Ministri e che ha certificato per l'anno in corso una crescita del PIL nazionale del 1,5%, confermando peraltro la stessa previsione per il 2018 e il 2019.

 

Un dato previsionale di estrema rilevanza per il Paese, visto che nel DEF approvato ad aprile la crescita stimata del PIL era del 1,1% nel 2017 e del 1% nel 2018 e nel 2019.

"Il problema non è solo il valore assoluto del finanziamento – sottolinea Dal Maso - ma la definizione delle priorità di intervento perché questo è il cuore del problema: se decidiamo di investire 3 mld euro in tecnologie informatiche in 5 anni abbiamo un ritorno di investimento pari a 15 mld di euro”.

 

"Senza dimenticare che - prosegue il Dg dell'Azienda ospedaliera ternana – manteniamo un livello di spesa priva out of pocket che oscilla tra i 2.5 e i 2.8 punti percentuali del PIL”.  La spesa sanitaria complessiva peraltro è in linea con la media europea intorno al 9.1 % del PIL.

 

In conclusione, "è ragionevole mantenere ovvero incrementare il finanziamento pubblico del SSN ma dobbiamo definire contestualmente priorità strategiche e azioni di  riduzione di inefficienze altrimenti non troveremo mai un punto di pareggio” e ancora Dal Maso "Non dimentichiamo che ogni anno spendiamo una cifra molto vicina ai 10 mld di euro per fare bene cose inutili ovvero Costi della Non Qualità”. "La sanità integrativa, infine, ha un senso come risorse aggiuntive, a patto che la regia complessiva e il governo del SSN abbiano una mano pubblica "capace ed evoluta".


 

Ufficio Stampa

Eleonora Niro

e.niro@consensoeu.com

(m) 3285842967

Francesco Stolfi 

f.stolfi@consnesoeu.com

(m) 3346969052

Monia Rossi

ufficiostampa@tgceventi.it

(m) 3332991700